Lontano...ma non dal cuore!


Rieccomi qui. Oggi sono iperfelice, un 30 ad anatomia patologica era quello che mi serviva dopo questi mesi di duro studio. Non è un 30 come gli altri perché l’anatomia patologica è uno di quegli esami che possono non farti mai laureare in Medicina viste le 2.000 pagine del libro e vista la difficoltà del suo contenuto. In ogni caso è andato tutto più che bene e sono felice. Sto ancora un po’ stordita e con la testa che non vorrebbe fare nulla per la stanchezza accumulata,ma la voglia di scrivervi è così tanta che non ho ceduto.
Nel precedente post parlavo del mio desiderio di partire, allontanarmi per iniziare la mia vita…bene, mentre io ancora sogno e progetto il mio futuro, c’è invece chi il suo sogno sta quasi per realizzarlo. Sto parlando di S. e della sua partenza ormai imminente per l’Afghanistan., quattro mesi (ma potrebbero anche raddoppiarsi!) in cui sarà a quasi 5.000 km da me. Potete immaginare come mi sento. Vivo con la paura che quel giorno arrivi sul serio,quando sarò costretta ad abbracciarlo per l’ultima volta e a sperare di poterlo ancora fare al suo ritorno. 
La prima volta che mi ha parlato di questo suo desiderio era all’incirca ottobre 2009, eravamo nella mia macchina una domenica pomeriggio ed io ero sulla luna come sempre, ogni volta che mi tiene tra le sue braccia. S. era da poco tornato da una vacanza-esercitazione a Las Vegas ed io tra una coccola e l’altra gli rubacchiavo notizie sulla sua esperienza americana, per saziare la mia incolmabile curiosità. Se c’è una cosa che dalla mia piccola esperienza con gli uomini ho imparato è che bisogna saperli ascoltare. Perché quando non c’è dialogo e un uomo non ha più voglia di  raccontarsi alla propria donna, quella è la fine di una relazione. Io ho saputo ascoltarlo e continuo tuttora a farlo e penso non smetterò mai di farlo con nessuno degli uomini che avrò al mio fianco. Quel pomeriggio ascoltai S. e vidi nei suoi occhi e nel suo modo di esprimersi la stessa voglia e lo stesso desiderio che è proprio di un bambino , quando brama un giocattolo che ancora non gli è stato regalato. Vidi in lui il desiderio di partire, di portare la sua competenza in un paese pieno di difficoltà, mettendo in gioco la sua stessa vita. Dopo quasi un anno e mezzo in cui non ha mai smesso di credere in questo obiettivo, S. a breve avrà il suo giocattolo, sebbene non si possa parlare di giocattolo in questo caso. La mia prima reazione a quelle sue parole fu il panico più totale, panico e paura, paura per una missione, quella in Afghanistan, che continua a fare migliaia di morti tra i nostri soldati. E non è un caso se sono qui a parlarne proprio oggi che l’Italia piange un altro militare,un altro uomo che ha creduto nella sua patria e per essa ha perso la sua stessa vita. Mi arrabbio quando ci ricordiamo dei militari e di quello che fanno solo quando muoiono, siamo così indifferenti a quello che ci succede intorno che non apprezziamo il lavoro di donne e uomini lontani dalla loro terra se non quando ci abbiano rimesso la loro stessa pelle.  A primo impatto quel desiderio di S. fu per me motivo di preoccupazione, non so perché ma vedevo tutto nero e credevo che l’S. che mi stava parlando non era l’uomo che avevo conosciuto ma un folle che senza un valido motivo andava a mettere a rischio la sua vita. È passato del tempo da quel giorno in cui per la prima volta ne abbiamo parlato e dopo quella chiacchierata ce ne sono state molte altre in cui ho capito che le mie paure erano anche le sue, ma che il suo desiderio era così forte da superare le paure stesse. Ogni giorno per tutto questo tempo S. non ha fatto altro che guadagnarsi la sua partenza e ora che quel giorno è quasi arrivato le stesse paure sono riaffiorate in entrambi, anzi forse oggi sono io quella più forte,quella che ha captato il senso di questa missione e il significato che ha per lui e giorno dopo giorno non smetto di dargli forza e coraggio. Oggi credo che questa sarà per lui una grande esperienza di vita, da cui imparare e crescere e certo non saranno mesi facili per me ma soprattutto per lui, non saranno mesi facili per noi che siamo abituati a raccontarci qualsiasi cosa ci succeda,però supereremo anche questo. Io ho fiducia in lui e in quello che fa e credo nella promessa che mi ha fatto, che qualsiasi cosa accada la sua salute verrà prima di tutto. Ed io lo accompagnerò e sosterrò in questa scelta, come ho sempre fatto,perché amare significa anche questo,condividere e comprendere i bisogni dell’altro, e mi mancherà un sacco il suo sorriso, quello che mi ha fatto innamorare dall’inizio e già sogno ad occhi aperti il giorno in cui al suo arrivo lo stringerò di nuovo a me.

8 commenti:

Blue ha detto...

Cara Carrie,
una canzone diceva "partire è un po come morire..." nel tuo caso e in quello di S. la partenza è un sogno per salvare le sorti di persone meno fortunate di noi.

Le partenze lasciano sempre un grande vuoto intorno ma se ami e lo fai davvero allora sarà ancora più meravigliosa l'attesa del ritorno e l'abbraccio che tanto hai sognato per mesi.

Io credo molto nel rafforzamento di un rapporto attraverso la lontananza che in alcuni casi può essere pericolosa ma non certo per rapporti veri... non so se mi sono spiegata cara carrie... mi piace come vivi le tue emozioni e quelle del tuo compagno... sei una ragazza sveglia...

Blue ti segue

bacio

www.aspassoconblue.com

Carrie ha detto...

Cara Blue ti ringrazio,sei sempre molto carina e gentile con me. Sai c'è una cosa che accomuna me ed S.: la passione con cui viviamo ogni singolo giorno della nostra vita,la passione che mettiamo in tutto,non solo nella nostra relazione. Entrambi abbiamo questo bisogno di lasciare il segno facendo qualcosa che allo stesso tempo ci renda grandi e fieri di noi stessi. Ma questa sua partenza non e' come le altre...grazie a lui mi sono appassionata e avvicinata forse di più a un mondo che prima ignoravo. Ho imparato tanto,anche il significato della parola "patria". Ma sono spaventata, vorrei non lasciarlo andare,la paura di ascoltare un telegiornale e poter avere una notizia brutta e' tanta,troppa. Mi faccio forza da sola e spesso con lui ci rido su' ma saranno mesi difficili...

la fenice ha detto...

in bocca al lupo per tutto Carrie, sia a te che a S.
Andrà tutto nel migliore dei modi, e sono certa che entrambi, pur dovendo affrontare momenti fondamentalmente difficili, sarete in grado di superarli!
un abbraccio!

cosimo ha detto...

Carrie ciao!...

Devi essere orgogliosa di questa persona!
La lontananza dirà tutto nel bene e nel male.
E credimi, sapere amare nella lontananza non è per molti! Chi sa amare nella lontananza ha già il senso dell'infinito amore.
Un abbraccio di cuore!

Carrie ha detto...

@fenice: crepi il lupo! E comunque cercherò di condividere con voi,amici virtuali, le mie emozioni, nel bene e nel male...

@cosimo: caro cosimo, non ho paura che la lontananza limiti il mio sentimento, anzi sono certa che questa sua esperienza possa solo rafforzarci e avvicinarci di più. Ho paura per la situazione in cui vivrà e non penso sia una paura sbagliata.

Alamuna ha detto...

Ciao carrie. Ho da dirti due cose.
1) Sono rimasta molto contenta quando ho visto che ti sei unita ai miei follower, perché così ho incontrato il tuo fantastico blog e poi... io amo Sex and the city e quindi carrie! Non potevi farmi sorpresa più bella! ;)
2) Quando sono atterrata sul tuo blog, ho notato il post sulla missione e mi sono sentita tanto, tanto vicina a te. Il mio ragazzo partirà per quella terra lontana e pericolosa a ottobre. Me l'ha detto dopo aver preparato il mio esame, per lasciarmi studiare con tranquillità. Sebbene sapevo che prima o poi sarebbe accaduto, a una notizia del genere non si è mai del tutto pronti. Sono morta un pò dentro da quando me l'ha detto. Lo so che mancano sette mesi alla sua partenza, ma ormai ci penso ogni giorno come fosse domani. 6 mesi senza di lui, 6 mesi di lontananza ma soprattutto pensarlo lì... è un dolore immenso. E' come se fossi caduta dalle nuvole, sebbene invece avrei dovuto essere già pronta all'evenienza. Perciò cara carrie, posso capirti, ed anche confermare che ciò che hai detto sono sacre parole: dobbiamo essere forti per loro, che ci vanno, lì. Che fanno questo lavoro. Sebbene io sia contro le missioni di "pace", lui crede in quello che fa ed io non sarò mai la persona che non lo sosterrà. Lo aspetterò sperando in un ritorno sereno, in cui ci ameremo ancora più di prima. Un abbraccio, Simona.

www.improvvisamenteungiorno.blogspot.com

Carrie ha detto...

Ciao Simona, mi fa piacere averti tra i miei lettori e sono contenta che le nostre storie siano per questo aspetto vicine. Forse puoi capire le mie paure più degli altri,i rischi che questi uomini e ragazzi corrono andando in missione. In bocca al lupo al tuo ragazzo e a presto!

Alamuna ha detto...

Crepi il lupo e rigiro a te lo stesso augurio! A presto! :)

Posta un commento

Post più recente Post più vecchio Home page

Premi

Premi
"Il mondo di una carrie ... di provincia bel modo di scrivere, parla di un po' di tutto e la sua schiettezza mi piace molto...merita!"- L'Alchimista di Parole

IL MONDO DI UNA CARRIE…DI PROVINCIA: la piccola Carrie alle prese con la vita e l’amore…

da Fenice di "Il diario della fenice"

"CARRIE-Per la sua fragile fanciullezza ,dolcezza nel scrivere poesie e racconti."- Giusy de UN MONDO INCANTATO...

da Elisa e da Fenice:” il diario di una ragazza speciale. nelle sue parole possono specchiarsi in tanti (a me succede!)”
Tutto il contenuto di questo blog sono di esclusiva proprietà dell'autrice. Immagini senza firma o senza nome sono prelevate dal web e rimangono di proprietà dei loro autori. Qualora i legittimi proprietari non acconsentissero al loro utilizzo, in seguito a comunicazione si provvederà alla loro eliminazione o all'aggiunta della firma suggerita. Si ricorda che, nel rispetto della legge n. 633/1941 sul diritto d'autore e degli articoli 2575 e 2576 del Codice Civile e delle Leggi vigenti che disciplinano la materia, sono severamente vietati la riproduzione ed il plagio. Chiunque faccia uso del materiale senza autorizzazione o senza il nome del legittimo autore risponderà all'autorità giudiziaria.

Licenza Creative Commons
IL MONDO DI UNA CARRIE...DI PROVINCIA by Carrie is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.
Based on a work at ilmondodicarrie.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at ilmondodicarrie.blogspot.com.
Powered by Blogger.

Followers


    98 giorni 14 h 52 minuti 31 secondi
    L’ANGOLINO
    Si è verificato un errore nel gadget

Recent Comments