Il tavolo

La prima volta che andai a casa di S. era all’incirca maggio di due anni fa, un pomeriggio di primavera, col sole caldo delle 15 e un cielo sereno senza neanche una nuvola a macchiare il suo azzurro intenso. Ricordo che fu una cosa improvvisata,di quelle non programmate e non organizzate e che a parer mio sono sempre i momenti più intensi e piacevoli. Mi arriva un messaggio del tipo: “sono solo a casa, vieni da me?” e giusto il tempo di indossare un paio di jeans e le mie amate Hogan che corsi da lui. Ogni più piccola occasione di vederci e stare insieme cerchiamo entrambi di coglierla al balzo e farne un momento speciale. Le nostre case non sono molto distanti,quindi nel giro di dieci minuti fui da lui. Citofono e salgo le scale fino al terzo piano, arrivando alla porta con un affanno dovuto un po’ allo sforzo fisico, un po’ all’ansia e agitazione di qualcosa di diverso. Mi accoglie sulla porta con un abbraccio dei suoi, non ho il tempo neanche di guardarmi attorno e scrutare l’ambiente in cui sono che mi stringe forte a sé,mi bacia appassionatamente e camminando con le labbra incollate dalla passione arriviamo nella cucina/soggiorno. La persiana della finestra abbassata per tre quarti lasciava passare dalla sua parte inferiore i raggi del sole che si infrangevano sui nostri volti e sui nostri corpi. Rallentiamo la fretta da cui eravamo stati presi e iniziamo a spogliarci a vicenda senza staccare l’uno gli occhi dall’altro, sapendo che ciò aumentava il nostro desiderio. Continua a baciarmi le labbra e il collo, a un certo punto mi prende in braccio e mi siede sul tavolo. La cosa mi eccita molto. Lui rimane in piedi davanti a me,mi accarezza dovunque e il caldo inizia a farci sudare. Poi si china su di me e bacia lentamente ogni centimetro della mia pelle, i capezzoli e il mio piccolo seno e scendendo piano verso il basso si sofferma sul mio ombelico, così perfetto nella sua forma, centro del mio universo femminile. I miei gemiti iniziano a rimbombare nel silenzio di quella casa e del palazzo intero tanto da sembrare che lì ci fossimo soltanto noi… a vivere. La voglia di averlo cresce sempre di più e lui adora incalzare i miei desideri fino a farmi perdere la testa. Mi ritrovo ancora seduta su quel tavolo,unico spettatore del nostro amore, con la schiena inarcata indietro e la sua testa che scende tra le mie gambe. Era la prima volta che assaporavo coccole di quel genere, la prima volta che un uomo sapeva ciò che volevo e me lo stava regalando in modo davvero eccitante. Mi lanciava sguardi tenendo sotto controllo il mio piacere e intanto, con l’imbarazzo che quando si ama va a farsi fottere, mi assaporava dolcemente, ogni movimento della sua lingua era un mio sussulto e vedermi in preda all’eros lo soddisfava abbastanza. Era un gioco, un piacevole gioco con le sua dita bagnate dei miei umori che accompagnavano le sue labbra sulle mie e affondavano in me. Un gioco che ha saputo condurre,seguendo il ritmo della mia giovane esperienza. Quel pomeriggio i nostri corpi iniziarono a parlarsi con un linguaggio a noi stessi incomprensibile. Restammo sdraiati su quel tavolo ancora per un po’, abbracciati e vestiti solo dei raggi di quel sole che passava dalla finestra.

posted under |

8 commenti:

Topaus ha detto...

Sono tutto sudato.. :)) Ciao!

cosimo ha detto...

ciao Carrie!
per un po ritrovo quello che raccontano i miei versi di la da me.
Buon amore!

Carrie ha detto...

Caro cosimo purtroppo io non non so esprimere le mie emozioni in versi come te ma mi piace scrivere e raccontare tutto cio' che vivo e provo. E mi fa piacere aver conosciuto una persona come te che mi aiuta a cogliere lati dell'amore che ancora non conosco. Buona domenica!

Blue ha detto...

Che amore piccola Carrie...

Blue

www.aspassoconblue.it

Nel ha detto...

The blog is very good!
Congratulations!
http://nelsonsouzza.blogspot.com

Paolo ha detto...

Ed è lì che si ha la piena consapevolezza di sè.
Buona settimana
Paolo

AlchimistaDiParole ha detto...

Mi sei piaciuta :) ...hai un premio, passa da me!
Un abbraccio

la fenice ha detto...

doh!! Invidia!!! ahahahah!

Posta un commento

Post più recente Post più vecchio Home page

Premi

Premi
"Il mondo di una carrie ... di provincia bel modo di scrivere, parla di un po' di tutto e la sua schiettezza mi piace molto...merita!"- L'Alchimista di Parole

IL MONDO DI UNA CARRIE…DI PROVINCIA: la piccola Carrie alle prese con la vita e l’amore…

da Fenice di "Il diario della fenice"

"CARRIE-Per la sua fragile fanciullezza ,dolcezza nel scrivere poesie e racconti."- Giusy de UN MONDO INCANTATO...

da Elisa e da Fenice:” il diario di una ragazza speciale. nelle sue parole possono specchiarsi in tanti (a me succede!)”
Tutto il contenuto di questo blog sono di esclusiva proprietà dell'autrice. Immagini senza firma o senza nome sono prelevate dal web e rimangono di proprietà dei loro autori. Qualora i legittimi proprietari non acconsentissero al loro utilizzo, in seguito a comunicazione si provvederà alla loro eliminazione o all'aggiunta della firma suggerita. Si ricorda che, nel rispetto della legge n. 633/1941 sul diritto d'autore e degli articoli 2575 e 2576 del Codice Civile e delle Leggi vigenti che disciplinano la materia, sono severamente vietati la riproduzione ed il plagio. Chiunque faccia uso del materiale senza autorizzazione o senza il nome del legittimo autore risponderà all'autorità giudiziaria.

Licenza Creative Commons
IL MONDO DI UNA CARRIE...DI PROVINCIA by Carrie is licensed under a Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported License.
Based on a work at ilmondodicarrie.blogspot.com.
Permissions beyond the scope of this license may be available at ilmondodicarrie.blogspot.com.
Powered by Blogger.

Followers


    98 giorni 14 h 52 minuti 31 secondi
    L’ANGOLINO
    Si è verificato un errore nel gadget

Recent Comments